Creare è un gioco da ragazzi / Arduino: Creation is Child’s Play

Arduino:

ARDUINO 4 my STUDENTS ARDUINO 4 my STUDENTS

Tratto da Il primo webdoc di Wired.it.

La storia, il funzionamento e i personaggi dietro la tecnologia italiana più famosa nel mondo.

Cercavamo una storia che potesse contenere tutti gli aspetti fondamentali della nostra rivista: l’inventiva, la voglia di cambiare le cose, l’iniziativa personale, la tecnologia. La radice italiana del tutto che non guasta di certo.

Arduino è un circuito più microcontrollore capace di rendere semplice ciò che una volta era complicato, di trasformarci in piccoli inventori, allargare un po’ le frontiere della nostra immaginazione. Il suo co-creatore Massimo Banzi come i tanti che hanno adottato questa tecnologia sono l’esempio perfetto di una un qualcosa che diventa grande e riesce, contro tutto e tutti, a invadere il resto del mondo.

 

Cos’è Arduino? A cosa serve? Chi lo può utilizzare?

Perché ha avuto un così grande successo?

 

Abbiamo provato a rispondere a queste domande attraverso le storie di un manipolo di belle persone che in tutta Italia hanno messo in gioco il proprio talento e passione.

E ancora: quali sono le nuove frontiere dell'utilizzo di Arduino? Prima di tutto la stampa 3D che con il suo rapido sviluppo sempre basato sul concetto di “ hardware open source” sembra disegnare scenari futuri al limite della fantascienza.

 

Andrea Sartori, musicista e maker a tutto tondo. Ludovico Apruzzese l’uomo che materialmente costruisce i circuiti di cui parliamo. Fabio Varesano che ha modificato Arduino rendendolo ancora più piccolo e potente. Davide Gomba, responsabile delle Officine Arduino nel FabLab di Torino. Soprattutto Alessandro Molteni un ragazzo come tanti, uno smanettone, un entusiasta utilizzatore di questa tecnologia che ci lascia scorgere le sue grandi possibilità per una nuova generazione in arrivo.

Il filo rosso della storia è quello della vita di Massimo Banzi e dal territorio in cui tutto è nato: il Canavese. Ivrea, luogo fondamentale per l’informatica italiana dove già la Olivetti aveva un tempo il suo nucleo. Più ci spingevamo in questo mondo e più ci era chiaro che oltre chip, circuiti e silicio era lo spirito curioso e divertito tipico di un ragazzo davanti al suo giocattolo preferito quello che accomunava tutti i protagonisti.

 

Tutto questo è Arduino: creare è un gioco da ragazzi.

Adesso dovete solo aprire gli occhi e premere play.

 

We were looking for a story that could sum up all the fundamental ingredients of our magazine: resourcefulness, desire to change things, personal initiative, and technology. The fact that this story takes place in Italy it’s certainly an added plus.

 

Arduino, Its co-creator Massimo Banzi and all the other users that adopted this technology are the perfect example of a small thing that manages to thrive and spread all over the world, against all odds.

 

What is Arduino? What is its purpose? Who can benefit from it? Why was it so successful? We tried to answer all these questions through the stories of a bunch of great people, from all over Italy, who committed their talent and their passion to this project.

 

We will also look at the future: what are the frontiers of its use? First of all, 3D printing, which with its fast development based on the “open source hardware” concept, launched by Arduino, seems to border into sci-fi with its applications.

 

Andrea Sartori, musician and maker. Ludovico Apruzzese the man who physically builds the circuits we’re talking about. Fabio Varesano, who modified Arduino and made it smaller and more powerful. Davide Gomba, director of the Officine Arduino in Turin-based FabLab. And, most importantly, Alessandro Molteni. A boy like many others, a computer geek and enthusiastic adopter of this technology: he will show us the great possibilities of Arduino for a new generation of makers.

 

The core of our story is the life of Massimo Banzi, and the region in which Italian IT tradition was born: the Canavese area. In particular, the city of Ivrea, a veritable Mecca of Italian informatics, where Olivetti had its headquarters. The more we discovered their world, the more it became clear that this story was not only about silicon and circuits: it was about their shared excitement and their curiosity, like kids playing with their favorite toy.

 

20Minutes is the title of our new video format. A “web documentary” in which we will tell a story, valuing the contents and the form of the documentary equally, thanks to the collaboration with Opificio Ciclope, a great team of graphic designers and video makers con cui abbiamo collaborato dall'inizio alla fine del progetto.

 

All this is Arduino: creation is child’s play. All you need to do now is open your eyes and press play. 

 

  ARDUINO controllo led. ARDUINO controllo led.